Video Screencast Help
Scheduled Maintenance: Symantec Connect is scheduled to be down Saturday, April 19 from 10am to 2pm Pacific Standard Time (GMT: 5pm to 9pm) for server migration and upgrade.
Please accept our apologies in advance for any inconvenience this might cause.

Valutazione di macchine virtuali per uso personale

Created: 02 Mar 2007 • Updated: 29 Jul 2010 | 1 comment
Language Translations
riva11's picture
+10 10 Votes
Login to vote

Questo articolo è una prima introduzione per descrivere alcuni dei numerosi metodi di installazione di una macchina virtuale e ottenere risultati interessanti con
SVS. In questo articolo sono mostrati alcuni dei migliori prodotti software per creare macchine virtuali e viene data una spiegazione per come usarli in combinazione con SVS. Le persone interessate principalmente a questo articolo sono i nuovi utenti di SVS e di macchine virtuali e che desiderano imparare le basi per entrambi questi software.

L'uso di Altiris Software Virtualization Solution (SVS) in un computer è semplice. Dopo il download della versione gratuita per uso personale, si installa il programma come consueto e si creano i layer delle applicazioni desiderate. Quando poi leggi un manuale o consulti il sito Altiris Juice, troverai che la migliore soluzione è configurare i layer delle nuove applicazioni in un ambiente di Sistema Operativo (OS) nuovo. La domanda per un utente qualsiasi è: Come posso procurarmi oppure ancor meglio creare un ambiente di questo tipo?

Una possibile soluzione è quella di avere un vecchio PC con installato il sistema operativo Windows vicino al tuo PC principale, con la funzione di creare dei layer. ma questa è una soluzione non sempre praticabile. La migliore soluzione può essere trovata in Juice: Usare una macchina virtuale! Questa emula un PC all'interno di un normale PC, denominato host. Un qualsiasi sistema operativo può essere installato nella macchina virtuale come se fosse un normale computer. Questa macchina è denominata sistema ospite (guest). E in questo sistema operativo è possibile utilizzarlo per testare nuovi programmi oppure per la crezione di nuovi layer. Con il vantaggio che in ogni momento, lo stato della macchina del sistema ospite può essere congelato, e in questo modo la macchina virtuale può essere ripristinata all'ultimo stato di funzionamento corretto. Questo stato di congelamento del sistema operativo è definito snapshot, vedi l'immagine seguente.

Se come me ti chiedi quale tipo di software dovresti acquistare per avere un sistema di gestione delle macchine virtuali. Non preoccuparti; non devi spendere nemmeno un centesimo. Da una ricerca che ho fatto nel Web ho trovato 6 interessanti prodotti software gratuiti o di valutazione. Vedi nella lista seguente l'elenco dei software. Come ulteriore commento, in aggiunta alla installazione della macchina virtuale è necessario una copia del sistema operativo Windows da installare nella macchina virtuale guest.

Software per Macchine Virtuali

Microsoft Virtual PC 2004 SP1
Gratuito
18.2 MB
Microsoft Virtual PC 2007
Gratuito
30.4 MB
InnoTek VirtualBox 1.3.6
Gratuito per uso personale e per valutazione
13.3 MB
Virtual Iron 3.1
Uso illimitato per singolo server; richiesta del codice di licenza per email.
182.2 MB
VMware Workstation 5.5.3 Build: 34685
30 giorni di licenza di valutazione, codice inviato via email dopo la registrazione.
94.6 MB
VMware Server 1.0.0
Numero seriale gratuito spedito per email dopo la registrazione.
50.3 MB

Non conoscendo il funzionamenti di questi prodotti, ho concentrato la mia attenzione a solo tre di questi software : Microsoft Virtual PC 2007, InnoTek VirtualBox e VMware Workstation. Le ragioni che hanno portato a escludere gli altri prodotti software era semplice. Microsoft Virtual PC 2004 è stato escluso in quanto la nuova versione sembrava abbastanza più stabile della vecchia versione (anche se poteva essere più stabile). Virtual Iron e VMware Server sono rivolti verso strutture di server aziendali e sembrano non adatti a uso personale. Stavo cercando un metodo per simulare un singolo PC per provare il software e creare layer SVS. Non era mia intenzione simulare un ambiente aziendale o server.

L'installazione dei tre software è relativamente semplice e non vi sono particolari difficoltà. Anche l'installazione del sistema guest è semplice. Dopo che la macchina virtuale è stata creata è possibile avviarla. Durante la fase di avvio, deve essere installato il sistema operativo del sistema guest con il CD di installazione nel drive CD drive oppure come immagine *.iso nell'hard disk. Il processo di installazione nel sistema guest è identico a quello di un normale PC eccetto che l'installazione viene eseguita all'interno di una finestra del PC host.

Microsoft Virtual PC 2007

Con Virtual PC ti assiste una guida per la creazione della tua prima macchina virtuale. L'interfaccia grafica è semplice, come puoi vedere dalla figura seguente. Le impostazioni per la macchina virtuale sono in una finestra diversa. Per maggiori dettagli di Virtual PC, consulta questo
articolo di Wikipedia.

InnoTek VirtualBox 1.3.6

L'uso di VirtualBox è simile a VMware Workstation. Cosa interessante è che InnoTek è stata coinvolta nello sviluppo di Virtual PC prima che Microsoft lo comprasse. Quando esegui Virtual PC, questo presenta due pannelli. Nel pannello di sinistra mostra una lista delle macchine disponibili, mentre nel pannello di destra mostra i dettagli e snapshot della macchina selezionata. Con un click sul bottone"new" viene eseguita una wizard guide che ti guida nella creazione di una macchina virtuale. Per maggiori dettagli di VirtualBox, consulta questo
articolo di Wikipedia

VMware Workstation 5.5.3

VMware sarà il probabile leader di questo segmento di mercato ancora per diversi anni. L'installazione è leggermente più lunga degli altri due prodotti. La sua GUI ha due pannelli con due funzionalità simili a quelle di VirtualBox. Per incrementare le performance della macchina virtuale, è consigliato di deframmentare il sistema ospite prima di creare lo snapshot. Vedi questo articolo articolo
Per maggiori dettagli di VMware, consulta l' articolo di Wikipedia.

Dopo che il SO ospite è installato in una delle macchine virtuali, un add-on specifico deve essere installato all'interno. Questo add-on consente di incrementare le performance del sistema operativo. Una funzione grafica di questo add-on abilita la possibilità di fare un copia e incolla dal tra i sistemi host e ospite. Microsoft chiama questa funzione "Virtual Machine additions", InnoTek le chiama "guest additions" e VMware le denomina semplicemente "VMware tools". L'installazione è semplicemente eseguita con la selezione dell'apposito comando dal menu appropriato. Se immagine .iso contenente un pacchetto software viene montata come un drive CD, l'installazione verrà automaticamente eseguita.

Cattura in un layer SVS

Da quando il mio obiettivo è stato di installare tutto con SVS, ho iniziato a usarlo per creare un layer SVS con un singolo processo di cattura delle applicazioni per tutti i prodotti software installati nelle macchine virtuali. Solitamente tutti i software sono stati installati senza nessun problema. E tutto funziona in maniera corretta dopo l'installazione. Posso creare una macchina virtuale e installare un sistema guest. Ma dopo l'installazione di un programma il precedente programma semtteva di funzionare correttamente. La causa era un driver mancante. Ho provato con la installazione globale ma questa non ha risolto il problema del driver mancante. Purtroppo non ho un altro PC e per questo non ho potuto testare i layer in un sistema diverso. A causa dei problemi che ho riscontrato con i drivers, sono arrivato alla conclusione che alcuni programmi non sono portabili.

Le macchine virtuali create con questi tre prodotti sono memorizzate in una cartella specifica. Una cartella per una macchina virtuale con Windows XP Pro SP2 come sistema guest, occupa circa 1.4 GB di spazio su disco.

Confronto

  • Lavorare in una macchina virtuale con VirtualBox e VMware Workstation, sembra leggermente meglio di VirtualPC.
  • Snapshot sono supportati solamente da VirtualBox e VMware Workstation.
  • Virtual PC può fare il reset ad un singolo stato.
  • Nel mio PC, uso un disco esterno USB. Virtual PC non mi consente di usarlo. VirtualBox può abilitare controller USB.
  • VMware Workstation e Virtual PC consentono il trascina e incolla (drag and drop) tra guest e host. VirtualBox supporta solo le cartelle condivise. Ma questo può essere impostato solo con delle operazioni a linea comando.

Note aggiuntive per VMware

Per VMware, il problema è che il software workstation funziona solo per 30 giorni di valutazione. Questo può essere risolto con il software gratuito (29MB).
VMware Player 1.0.2

Questo può essere installato anche un layer SVS layer. Una volta che la macchina virtuale è creata con una installazione di un Sistema Operativo pulito, il software player può essere eseguito in una macchina virtuale
run that virtual machine.

Il software player consente di fare un copia e incolla tra il PC host e la macchina virtuale. La principale differenza tra player e workstation è data dal fatto che con il player non è possibile creare nuove macchine virtuali, aggiungere dispositivi hardware o creare degli snapshot. Ma questo software è comunque perfetto per la creazione di layer SVS. Nel sito Web del produttore è dichiarato che il programma è in grado di ritornare allo stato precedente usando la funzione di snapshot. Non ho provato questa funzione, ma in ogni caso il reset del layer SVS layer comunque consente di avere una valida alternativa e permette alla macchina virtuale di rimanere pulita.

Una volta che la macchina virtuale è creata, la cartella può essere estratta dal layer SVS della workstation e aggiunta a un layer SVS read-only per il player VMware player. La copia di valutazione del software versione workstation può essere rimosso dal sistema. Con il software player, possono essere creati nuovi layer SVS nel sistema operativo Windows base e esportati nell'archivio VSA. Dopo avere trasferito gli archivi con un trascina e incolla a sistema host, questi layer possono essere distribuiti e testati nel sistema host. Quando resetti il layer SVS nel player, la macchina virtuale viene riportata al suo stato iniziale.

Un altro interessante tool gratuito nell'arena delle macchine virtuali VMware è il programma VMware Converter 3.0 (Starter Edition) (18 MB). VMware converter consente la clonazione di una macchina fisica in una macchina virtuale (clonazione a caldo locale o remota). Inoltre converte una macchina virtuale creata con Microsoft Virtual PC 7 (e superiori) in una per VMware workstation. La macchina virtuale generata dalla clonazione può essere eseguita con entrambi i prodotti VMware, sia player che workstation. Vi possono essere delle situazioni in cui fare il test con la creazione di un clone di un sistema reale. Ma creare un clone di una macchina fisica per creare layer SVS non apporta grandi vantaggi, se il sistema non è in una condizione pulita e quindi la dimensione della cartella di installazione dei layer può anche essere anche notevole. Il solo scenario che posso immaginare possa dare un qualche vantaggio nell'usare questo tipo di soluzione è quando avete una nuova installazione partendo da zero per un nuovo sistema. Il PC clonato viene rappresentato in maniera identica nella macchina virtuale, e i layer SVS layers creati in questa macchina virtuale si adattano perfettamente anche per il PC fisico. La prossima volta che installerò da zero il mio PC, allora lo proverò e pubblicherò il risultato.

Un altro tool gratuito che consente di creare macchine virtuali VMware è VMX Builder 0.8.6 (2.6 MB). E' in beta, è un prodotto indipendente non creato da VMware. Come svantaggio non include i VMware tools.

Conclusioni

Una macchina virtuale può essere usata per testare software e creare layer SVS in un ambiente SVS. Questo ambiente può essere eseguito anche per un uso personale, con la caratteristica che non è necessario spendere del denaro. L'unica cosa richiesta per questi prodotti software, che ripeto sono gratuiti, è di avere spazio libero su disco per 1.5+ GB circa.

Tra i software VMware Workstation, Virtual PC, e VirtualBox, ho deciso di usare VirtualBox. E' un prodotto gratuito per uso personale e mi sono concentrato solamente a questo software. Supporta dispositivi USB e le macchine virtuali sono eseguite con prestazioni brillanti. Tuttavia la funzione di trascina e incolla non funziona, ma non è determinante. Infatti si può condividere una cartella per trasferire i layer SVS tra la macchina host e guest.

Non sono state provate tutte le possibili configurazioni e la soluzione che ho trovato per il mio sistema non è stata provata su differenti sistemi. Ma spero che almeno possa fornire una breve introduzione delle soluzioni disponibili e che possa risolvere alcuni dei tuoi problemi. Buon lavoro di virtualizzazione!

The original article Evaluating Virtual Machines for Personal Use submitted by toralf can be read: Here.

Comments 1 CommentJump to latest comment

riva11's picture

Elenco delle versioni del software per creare Virtual Machine ( download link):

+10
Login to vote