INFORMAZIONI SU SYMANTEC

  • Aggiungi

Notizie

Una ricerca di Norton rivela che in Italia, e in Europa, numerosi dispositivi mobili sono privi di password e di un'adeguata protezione

Tre europei su dieci hanno smarrito o subito un furto del proprio dispositivo mobile Uno su dieci è rimasto vittima di crimini informatici su dispositivi mobili Più o meno in linea con il resto d’Europa i dati italiani

Milano, 4 Aprile 2013Norton by Symantec ha pubblicato oggi dei nuovi approfondimenti sull’utilizzo dei dispositivi mobili e sui comportamenti degli utenti consumer europei1. I risultati rivelano che, nonostante gli adulti attribuiscano la massima importanza ai propri dispositivi mobili, sono in pochi a prendere le precauzioni necessarie per mantenere al sicuro i dispositivi e il relativo contenuto.

Partendo dai dati del report, gli utenti europei oggi vivono vari aspetti della propria vita professionale, sociale e online utilizzando i dispositivi mobili.  Dalla navigazione del web al download di app, dagli acquisti ai pagamenti dal dispositivo mobile, il 37% degli utenti mobili italiani, e il 34% di quelli europei, ha dichiarato che non rinuncerebbe mai al proprio dispositivo. Inoltre, il 37% degli utenti del Belpaese, percentuale che scende al 24% tra gli intervistati europei, ha indicato che sarebbe uno dei due effetti personali che metterebbe in salvo in caso di incendio.  

In un mondo costantemente connesso come quello di oggi, le persone fanno un uso sempre maggiore dei dispositivi mobili per navigare, condividere, socializzare ed effettuare acquisti”, ha dichiarato Ida Setti, Sales and Marketing Director Italia di Norton by Symantec. “Molti utenti potrebbero non rendersi conto di quante informazioni personali e riservate sono a rischio quando un dispositivo viene smarrito, rubato o compromesso. Considerando la natura sensibile dei dati accessibili dai dispositivi mobili personali, è fondamentale che gli utenti prendano alcune semplici precauzioni per impedire che queste informazioni cadano nelle mani sbagliate. Soffermandoci in particolare sull’Italia ci sono dei dati da tenere in considerazione: circa il 36% degli intervistati, ad esempio, non utilizza nessuna password per il proprio dispositivo rendendolo accessibile a tutti, e l’11% è rimasto vittima di cybercrime su un device mobile”.

I dispositivi mobili: una miniera di informazioni personali e riservate
Anche se sempre più persone vivono sempre più connesse tramite i dispositivi mobili, in molti non adottano le misure necessarie per proteggere il dispositivo e il relativo contenuto. Benché la maggior parte (69%) degli utenti mobili europei, abbia dichiarato di archiviare e consultare informazioni riservate sui propri dispositivi mobili, più di un terzo (35%) ha ammesso di non utilizzare alcuna password per proteggere i dati personali. Per quanto riguarda l’Italia i dati sono più o meno in linea con quelli europei: il 73% degli intervistati accede o salva informazioni sui dispositivi mobili, mentre il 36% ha ammesso di non utilizzare nessuna password per proteggere le proprie informazioni. In caso di furto o smarrimento, può cadere nelle mani sbagliate una grande quantità di dati personali, incluse le email presenti sul dispositivo, che rappresentano una potenziale porta d’accesso ad altre informazioni riservate, come documenti e corrispondenza di lavoro, password di altri account online ed estratti conto.

La ricerca rivela, inoltre, che la perdita di un dispositivo mobile è una situazione comune, che comporta costi elevati e rappresenta una fonte di stress per le persone. Tre europei su dieci hanno smarrito o subito un furto del proprio dispositivo mobile, con un costo medio di 122 euro per la sostituzione o l’utilizzo temporaneo di un cellulare e quasi il doppio (233 euro) per la sostituzione di un tablet. 2 Nel caso dell’Italia il 36% degli utenti intervistati ha dichiarato di aver perso o subito un furto di un device mobile, con un costo medio di 194 euro per la sostituzione o utilizzo temporaneo di un cellulare e 211 euro per la sostituzione di un tablet.

In caso di perdita del cellulare, gli utenti europei indicano di essere particolarmente preoccupati dai costi che potrebbero dover sostenere per le telefonate (43%), dal fatto che vengano contattate le persone nella rubrica (26%) o che vengano effettuati acquisti con il telefono perso o rubato (26%). In Italia la preoccupazione maggiore per il 30% degli intervistati è che si possano contattare le persone presenti in rubrica.

Lo studio di Norton rivela inoltre alcune sorprendenti differenze tra i paesi europei in relazione agli atteggiamenti nei confronti delle attività in mobilità e delle informazioni che le persone desiderano archiviare o consultare nei dispositivi mobili:

  • Il 24% degli italiani e il 32% dei polacchi hanno dichiarato di sentirsi al sicuro quando effettuano acquisti dal proprio dispositivo mobile, mentre la percentuale scende tra gli utenti tedeschi (13%) e russi (15%).
  • Gli italiani (21%) sono poi più propensi ad archiviare informazioni sui propri conti bancari nei dispositivi mobili rispetto alla media europea (16%)

I rischi associati all'utilizzo di dispositivi mobili e reti Wi-Fi non protette
L'utente medio europeo rivela la mancanza di un'adeguata protezione dei dispositivi mobili. Due utenti di dispositivi mobili su cinque in Europa ammettono di non scaricare sempre applicazioni da origini attendibili – circa il 41% degli utenti italiani intervistati afferma lo stesso - e più di un terzo ha dichiarato di non utilizzare metodi di pagamento protetti quando effettua acquisti dal proprio dispositivo mobile – questo vale per il 31% degli italiani intervistati, mettendo a rischio informazioni riservate come i dati relativi alle carte di credito. Di fatto, in base ai risultati della ricerca, un utente mobile europeo su dieci è già rimasto vittima di crimini informatici su dispositivi mobili3.

Gli utenti sanno quanto sia importante proteggere il proprio computer dalla vasta gamma di minacce in cui è possibile imbattersi, sia online che offline”, continua Ida Setti, Sales and Marketing Director Italia di Norton by Symantec. “Tuttavia, è importante prendere precauzioni anche per la protezione dei dispositivi mobili connessi a Internet, che sono altrettanto vulnerabili agli autori di crimini informatici in cerca di informazioni personali o di somme di denaro da rubare. In caso di furto o smarrimento del dispositivo, i nostri dati sono nelle mani di qualcun altro. Installando un software di sicurezza che garantisce la protezione del dispositivo mobile dalle minacce online e consente di bloccare il dispositivo in remoto, localizzarlo ed eliminare i dati che contiene, è possibile impedire gli accessi non autorizzati alle informazioni personali.”

Per ulteriori informazioni dagli esperti di Norton sulla protezione dei dispositivi mobili, inclusi articoli, video, widget e infografiche, visitare l’indirizzo mobilesecurity.com.

Informazioni su Norton
Norton assicura la protezione delle informazioni degli utenti consumer, in tutti gli aspetti della loro vita digitale. Norton fornisce un’ampia gamma di soluzioni di sicurezza, tra cui tecnologie per PC e dispositivi mobili, servizi di supporto tecnico e backup online. Norton è anche presente su Facebook.

Informazioni su Symantec
Symantec è un’azienda leader a livello mondiale nelle soluzioni di sicurezza, archiviazione e gestione dei sistemi per aiutare gli utenti consumer e le organizzazioni a proteggere e gestire il proprio mondo basato sulle informazioni. Il software e i servizi Symantec assicurano la protezione da più rischi, in più posizioni, in modo più completo ed efficiente, garantendo maggiore affidabilità ovunque vengano utilizzate o archiviate le informazioni. Per ulteriori informazioni, visitare www.symantec.com.

Metodologia dello studio Norton Cybercrime Report
Tra il 16 luglio 2012 e il 30 luglio 2012, StrategyOne ha condotto interviste online con 13.000 adulti, di età compresa tra i 18 e i 64 anni, di 24 paesi (Arabia Saudita, Australia, Brasile, Canada, Cina, Colombia, Danimarca, Emirati Arabi Uniti, Francia, Germania, Giappone, India, Italia, Messico, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito, Russia, Singapore, Sudafrica, Svezia, Stati Uniti e Turchia). Il margine di errore per il campione totale di adulti (n=13018) è dello 0,9% con un livello di confidenza del 95%. Sono state intervistate 1000 persone negli Stati Uniti e in India e 500 in ognuno degli altri paesi. I dati globali sono stati ponderati in modo da assicurare che tutti i paesi abbiano una rappresentazione uguale di n500 adulti.  

I dati presentati relativi all’Europa sono basati sulle informazioni raccolte nei seguenti paesi: Regno Unito, Francia, Germania, Danimarca, Svezia, Paesi Bassi, Italia, Polonia e Russia. Il campione totale per l’Europa è di 4500 persone. Il margine di errore per l’Europa è +/- 1,46% con un livello di confidenza del 95%. Sono stati intervistati 500 adulti in ognuno dei paesi europei.

NOTA: per ulteriori informazioni su Symantec Corporation e i relativi prodotti, visitare l’area News del sito Symantec all’indirizzo http://www.symantec.com/news
Symantec, il logo Symantec e Norton sono marchi o marchi registrati di Symantec Corporation o delle relative consociate negli Stati Uniti e in altri paesi. Altri nomi possono essere marchi dei rispettivi proprietari.

Angela Morollo
Symantec Italia
02/2411551
angela_morollo@symantec.com

Ornella Fazio
Edelman
02/63116231
ornella.fazio@edelman.com

12012 Norton Cybercrime Report, European Mobile Insights

2Perdita finanziaria totale (media) indicata dagli intervistati a causa della perdita o del furto di un dispositivo mobile (telefono cellulare o tablet), incluso il costo per la sostituzione o l’utilizzo temporaneo di un altro dispositivo mobile (telefono cellulare o tablet).

3Symantec Corporation, 2012 Norton Cybercrime Report, settembre 2012: http://www.norton.com/2012cybercrimereport. Per “crimini informatici su dispositivi mobili” si intende: la risposta a un messaggio di testo SMS non richiesto con la divulgazione di informazioni personali; l'infezione del telefono e l'invio, a insaputa dell'utente o senza il suo consenso, di un messaggio di testo per cui viene addebitato un costo; altri tipi di crimini informatici su telefoni cellulari o dispositivi tablet.