Symantec Italia
siti globali
prodotti e servizi
acquisto
supporto
partner
security response
downloads
informazioni su Symantec
ricerca
feedback


© 1995-2008 Symantec Corporation.
All rights reserved.

Note legali
Politica sulla privacy


Privati e Professionisti

E-commerce: sicurezza al primo posto

È possibile fare acquisti online in totale sicurezza? Tutti i siti sono affidabili?

Alcuni consigli per effettuare acquisti online in tutta tranquillità

La crescente diffusione delle connessioni a banda larga, i vantaggi offerti dal Web e un livello di protezione più elevato hanno indubbiamente contribuito al boom del commercio elettronico. Le cifre lo confermano. Stando ad una ricerca condotta da Sofres, il numero di utenti europei che fa acquisti online è cresciuto del 60% solo nel 2002. La stessa ricerca ha messo, tuttavia, in evidenza che la sicurezza continua ad essere la principale preoccupazione degli utenti, considerato che quasi un terzo degli intervistati ha affermato di avere remore a fornire i propri dati bancari su Internet. Questa mancanza di fiducia è in parte dovuta alle prassi poco ortodosse di alcuni siti di e-commerce, ma anche a molta disinformazione. Nella maggior parte dei casi, gli utenti che navigano su Internet non hanno a disposizione sufficienti informazioni per poter stabilire se un sito è sicuro o meno. I consigli riportati di seguito possono essere utili per potersi dedicare agli acquisti online senza alcuna preoccupazione.

1) Che tipo di misure vengono adottate per proteggere le transazioni bancarie?
La prima cosa da controllare è se il sito in questione consente di effettuare pagamenti online in modo protetto. Nella pagina relativa a "Termini e condizioni" o addirittura in quella dell'acquisto vengono generalmente fornite informazioni sulla tecnologia utilizzata per proteggere i dati del cliente. Pertanto, è sempre importante verificare che il sito utilizzi un livello di crittografia elevato come l'SSL (Secure Socket Layer ed altri protocolli) o SET (Secure Electronic Transaction). Le chiavi più lunghe garantiscono generalmente un livello di protezione più elevato. Una ricerca condotta nel 1997 ha dimostrato che una tecnologia a 40 bit poteva essere scomposta dai pirati informatici in meno di 4 ore. Nonostante la sua inefficacia, molti siti, compresi il 43,9% di quelli oggetto della ricerca effettuata dal Gruppo ProjectWeb, continua ad usare una tecnologia inadeguata.
Per essere più sicuri, è preferibile effettuare acquisti solo su siti Web che utilizzano una crittografia a 128 bit e le cui transazioni vengono effettuate tramite istituti bancari. In questo caso, infatti, i dati della carta Bancomat o della carta di credito vengono memorizzati dall'esercente ma trasmessi direttamente alla banca. È altrettanto importante verificare che l'icona che identifica un sito protetto (rappresentata generalmente da un'icona a forma di lucchetto visualizzata nella parte inferiore della pagina) sia visualizzata correttamente dal browser. Se il sito non offre metodi di pagamento protetti (cosa che si verifica nel 4% dei casi, stando alla ricerca condotta di ProjectWeb), è preferibile non immettere i propri dati bancari. In caso di dubbio, è possibile optare per il pagamento in contrassegno oppure fare l'acquisto tramite un sito che garantisca metodi di pagamento più innovativi, come bonifici bancari, pagamenti tramite SMS o carte elettroniche.

2) Logotipi
Alcuni siti garantiscono all'utente la completa protezione dei dati bancari, come nel caso specifico dei siti francesi che visualizzano il logo Fianet. Questi siti garantiscono, in altre parole, il rimborso integrale della cifra in caso di uso improprio dei dati bancari dell'utente. Altri siti visualizzano icone a garanzia della sicurezza delle transazioni, della protezione dei dati personali e del rimborso in caso di mancata consegna. Trusted Shops, Webcert e Webtrust sono alcuni dei logotipi più diffusi in Europa. Alcune associazioni specializzate in commercio elettronico di alcuni paesi, come la Fevad (Fédération des enterprises de vente à distance ossia la Federazione che raggruppa tutti i siti e-commerce francesi) verificano che le società appartenenti rispettino le disposizioni per la protezione dei consumatori prima di acconsentire all'inserimento del loro logo sul sito. È sempre preferibile scegliere di fare acquisti da siti che visualizzano questi logotipi.

3) I segreti delle clausole dei termini e delle condizioni
I termini e le condizioni, spesso lunghe da leggere e difficili da decodificare a causa del gergo legale, disciplinano tutte le possibili casistiche nell'eventualità di un'azione legale. Per questo è molto importante leggerle con attenzione prima di fare acquisti online. In particolare, è utile controllare le informazioni relative alla consegna e alla restituzione dei prodotti. Se le condizioni sono troppo restrittive, potrebbe essere molto difficile far valere i propri diritti in tribunale. In caso di dubbi su qualche clausola, è sempre consigliabile chiedere ulteriori informazioni al venditore.

4) Protezione dei dati personali
Molti siti di e-commerce obbligano l'utente a compilare lunghi moduli prima dell'effettivo acquisto, mentre sono relativamente pochi quelli che garantiscono la protezione dei dati immessi. Oltre ai dati necessari per l'acquisto, non è obbligatorio fornire alcun altro dato. Per evitare di ricevere continuamente messaggi pubblicitari per posta elettronica, può essere utile fornire solo l'indirizzo di posta elettronica utilizzato per gli acquisti online. Anche in questo caso, è preferibile scegliere siti Web che visualizzano logotipi o che garantiscono specificatamente la protezione dei dati dell'utente.

5) Cosa fare in caso di problemi
Una ricerca condotta nel 2003 dall'European Consumer Information Center ha dato esiti allarmanti: l'8% dei prodotti risultava non essere stato consegnato nonostante l'addebito. I ritardi e i problemi nella consegna, dovuti ad oggetti mancanti, danneggiati o non rispondenti alle specifiche sono all'ordine del giorno nei tribunali. Per limitare al minimo questo rischio, è sempre consigliabile esaminare la condizione della merce al momento della consegna ed indicare sulla ricevuta del corriere le eventuali irregolarità. Naturalmente, è necessario anche segnalare immediatamente l'irregolarità al venditore e chiedere una sostituzione o un rimborso per il prodotto difettoso. Inoltre, è utile ricordare che è possibile annullare l'ordine entro 7 giorni. Se il venditore non risponde alla richiesta, può essere utile rivolgersi ad un'associazione dei consumatori oppure all'ufficio di polizia responsabile delle indagini sulle frodi relative a siti Web stranieri. Per gli acquisti effettuati su siti Web stranieri, è possibile rivolgersi all'European Consumer Information Center e all'International Consumer Protection and Enforcement Network.